Il Metodo Tisanoreica

Il Metodo Tisanoreica è un protocollo per la riduzione ponderale che si basa sull’attivazione di una via metabolica definita chetosi. La Dieta Tisanoreica si differenzia dalla classica dieta chetogenica in quanto migliora e controlla i corpi chetonici mediante l’utilizzo delle piante (si definisce quindi dieta fitochetogenica).

Si tratta di una dieta ipoglucidica, normoproteica e ipocalorica che permette di nutrire l’organismo con completezza anche in una fase di squilibrio come quella del dimagrimento, avvalendosi, per dispiegare tutta la sua efficacia, anche del potente supporto delle piante.

Come funziona?

Per venire bruciati e utilizzati dal nostro corpo, i grassi hanno bisogno di zuccheri. Infatti, in un passaggio intermedio del metabolismo, i grassi devono utilizzare gli zuccheri per poter essere bruciati completamente (non dimentichiamo che i grassi sono la nostra fonte più abbondante di energia). Dunque, in assenza di zuccheri, i grassi, se seguono la via normale, non possono essere utilizzati. Proprio per questo il nostro organismo ha messo in atto un meccanismo di emergen-za, definito “chetosi”.

In pratica, i grassi vengono trasformati in “corpi chetonici”, molecole che possiedono una fondamentale particolarità: a differenza dei grassi, possono venire utilizzate dal cervello a scopo energetico (normalmente, il cervello utilizza esclusivamente zuccheri a scopo energetico).

Si tratta di un sofisticato meccanismo evolutivo, che da sempre preserva gli esseri viventi dall’estinzione. Immaginiamo un periodo di grande carestia: il cervello non può utilizzare gli zuccheri (teniamo presente che nel nostro corpo la quantità di zucchero di deposito è molto limitata).

In questa situazione, l’organismo ha però un’alternativa: può ricavare zuccheri dagli aminoacidi, vale a dire da “pezzetti” di proteine. Qui si presenta il problema: utilizzando le proteine a scopo energetico, succede che si va a intaccare la massa muscolare, con la conseguenza che al corpo viene letteralmente a mancare la forza per procacciarsi il cibo, che equivale a morte certa.
La durata del protocollo varia da un minimo di 20 giorni a un massimo di 40 giorni e si effettua sotto controllo medico o del Centro Studi Tisanoreica.

Il protocollo Tisanoreica prevede due fasi:

1. nella prima fase (fase Intensiva) devono essere eliminati i carboidrati; durante la giornata si assumono quattro pietanze Tisanoreica;

2. 
nella seconda fase (fase di Stabilizzazione) si reintroducono gradualmente i carboidrati complessi a basso indice e si assumono due pietanze Tisanoreica al giorno.

La Dieta Tisanoreica non è per tutti

• a chi presenta gravi patologie o disfunzioni a fegato e reni

• alle donne in gravidanza

• ai diabetici insulinodipendenti

• ai cardiopatici, “studio ospedaliero in atto”

• a chi presenta squilibri psicologici ed assume farmaci